Cielo di Settembre 2017

Fino ad ora eravamo abituati ad alzare gli occhi e vedere ben alti le costellazioni estive, adesso queste intorno alla mezzanotte si accingono a tramontare. Questo perché Settembre ci consente per una parte della serata di osservare ancora gli oggetti del cielo estivo ma poi nella seconda parte della serata dà spazio alle costellazioni invernali che si accingono a sorgere in tarda notte.

Nelle prima ore della serata sarà possibile vedere sull’orizzonte la costellazione dello Scorpione. Più a Nord-Ovest tramonta la stella Arturo, la stella brillante della costellazione del Bootes.

Ad avviarsi verso l’orizzonte più tardi è il Triangolo estivo formato dalla stella Vega, la stella Altair e la stella Deneb.

In tarda notte guardando ad Est vedremo sorgere l’ammasso stellare Le Pleiadi insieme alla costellazione del Toro.

All’inizio del mese, 1 Settembre, verso le 5:00 del mattino è possibile osservare Venere sorgere insieme a Presepe, ammasso stellare della costellazione del Cancro.

La mattina del 2 Settembre sorgono Marte e Mercurio vicino alla stella Regolo della costellazione del Leone. L’osservazione degli astri è difficile in quanto sono molto bassi.

La mattina del 5 Settembre Marte sarà in congiunzione con la stella Regolo.

L’11 Settembre la Luna, prossima all’ultimo quarto, sorge nella costellazione del Toro, accompagnata dall’ammasso stella Le Pleiadi.

All’alba del 16 Settembre si possono osservare in successione Venere, la stella Regolo e Mercurio, molto vicini a Marte.

Il 18 mattina si può vedere una falce di Luna calante in congiunzione con Venere, nelle costellazione del Leone.

Ma lo spettacolo del 18 Settembre non finisce qui. Al mattino possiamo vedere nella costellazione del Leone i pianeti Marte, Mercurio, Venere e la Luna.

La sera del 22 Settembre è l’ultimo appuntamento per poter osservare la congiunzione tra Giove e la falce di Luna crescente.

L’ultima congiunzione del mese sarà il 26. Potremmo osservare la Luna crescente e il pianeta Saturno nella costellazione dell’Ofiuco.