Eclissi anulare 26 Febbraio 2017

Domani sarà il giorno della prima eclisse dell’anno, apriamo con un eclisse anulare di Sole.
Prima di parlare di cosa sia un eclisse, voglio precisare che quella di domani sarà osservabile dal Sud America e dall’Africa meridionale purtroppo non lo sarà dall’Italia.

Che cos’è un eclisse? Ve lo siete mai chiesti?
L’eclissi è un evento astronomico che avviene quando un corpo celeste si interpone tra una sorgente di luce  ed un corpo celeste, pianeta o satellite, ed il secondo corpo entra nel cono d’ombra del primo.
Esistono tre tipi di eclissi:

  • eclisse totale: quando il corpo entra totalmente nel cono d’ombra, si vede totalmente oscurato
  • eclissi parziale: quando il corpo è nel cono di penombra, si vede solo parzialmente oscurato
  • eclissi anulare: quando il disco della Luna si sovrappone, ma senza coprire totalmente il Sole

L’eclissi del 26 Febbraio è anulare e avviene quando la Luna è nel punto più lontano della sua orbita e il cono d’ombra non giunge fino alla superficie terrestre, tutto ciò succede perché il diametro angolare della Luna si mantiene minore di quello del Sole, trovandosi all’apogeo ( punto più lontano dalla Terra). Rimane così una sottile striscia di superficie stellare che è ancora visibile, che viene volgarmente denominato ‘anello di fuoco’.

Le fasi dell’eclisse anulare sono:

  • Primo contatto esterno: il profilo vero della Luna è tangente ed entra nel disco solare.
  • Primo contatto interno: la Luna è tangente internamente al disco solare.
  • Anularità: in questa fase si ha il massimo oscuramento del Sole.
  • Secondo contatto interno: termina l’anularità.
  • Secondo contatto esterno: il profilo vero della Luna esce completamente dal disco solare.

L’ultima eclisse anulare visibile dall’Italia è stata il 15 Gennaio 2010

L’eclissi anulare del 26 Febbraio durerà complessivamente 2.5 ore, inizierà alle 13.23 italiane. Avrà il punto massimo alle 14:36(italiane) e l’eclisse dovrà terminare intorno alle 15:54(italiane)